Foto dalla Gallery

img_6117
La chiesa e la riggiola: un matrimonio d’altri tempi’

Progetto: La chiesa e la riggiola: un matrimonio d’altri tempi’

Supervisor: Csv Assovoce

Partnership: Varie associazioni presenti sul territorio nazionale

Periodo : 2014

A Maddaloni esisteva, risalente al 1200, una tradizione artigiana molto particolare: quella dei faenzari, esperti di una lavorazione tipica che dava origine a manufatti maiolicati di squisita fattura presenti in molte chiese campane e maddalonesi. La ‘riggiola’ dei faenzari maddalonesi era, infatti, molto nota fino a qualche decennio fa.

Per recuperare questa tradizione e far si che i giovani e la comunità si appassionino al territorio in cui vivono, l’Associazione di Volontariato A.Na.Vo., insieme al Gruppo Archeologico Calatino, all’Associazione di Volontariato ‘S.N.C. Libero pensiero’, al Convitto Nazionale ‘Giordano Bruno’ e con la condivisione della Congrega “San Giovanni Battista” , ha chiesto ed ottenuto dal CSV Assovoce di Caserta, il sostegno per il progetto ‘La chiesa e la riggiola: un matrimonio d’altri tempi’.

Il progetto, partendo dalla premessa che la tradizione culturale di un territorio rappresenta l’identità comunitaria dello stesso, si focalizza sulla valorizzazione e recupero dell’antico mestiere del ‘faenzaro’.

L’idea è quella di riprodurre il pavimento di maioliche settecentesche del cimitero ipogeo di una delle chiese maddalonesi più ricche di storia, la Chiesa di S. Giovanni Battista, trafugato negli anni e non più recuperato. L’opera sarà realizzata da un gruppo di studenti del Convitto Nazionale ‘Giordano Bruno’ guidati da volontari, istruttori e docenti esperti che avranno il compito, oltre che di presentare la lavorazione artigianale della ‘riggiola maddalonese’ e di inquadrarla storicamente e antropologicamente, di trasmettere anche le tecniche di esecuzione.

L’opera finita verrà esposta alla cittadinanza insieme ad una visita guidata alla chiesa di S. Giovanni e sarà descritta in  un opuscolo illustrativo sul progetto, sui faenzari, sulle chiese e cultura maddalonese realizzato da giovani volontari, studenti di ingegneria ed architettura.

Tra i dettagli che arricchiscono il progetto è prevista la produzione di un oggetto richiamante la produzione dei faenzari, una piccola riggiola che si potrebbe chiamare ‘riggioletta maddalonese’ da appendere, da usare come fermacarte, o da adattare ad altri usi, quale elemento identitario della comunità che non ha un prodotto tipico locale che ne presenti un’immagine positiva all’esterno del territorio.

https://www.anavolontariato.it/site/foto-video-gallery/category/86-la-chiea-e-la-riggiola-

 

  Discuti questo articolo nel forum (0 messaggi)